POLITICA | mercoledì 21 febbraio 2018 13:52

POLITICA | lunedì 12 febbraio 2018, 14:34

Aosta: Nuovo regolamento dehors, cade vincolo chiusura alle 23

Graziano Dominidiato e Antonella Marcoz durante l'incontro all'Hotel des Etats

"Oggi abbiamo risolto alcuni annosi problemi con i quali finora gli esercenti di bar e ristoranti di Aosta si erano sempre dovuti confrontare senza successo".  

E' soddisfatto Giuseppe Sagaria, presidente di Ascom Aosta e vicepresidente vicario di Confcommercio VdA, al termine dell'incontro svoltosi oggi all'Hotel des Etats tra i vertici di Confcommercio VdA, la vicesindaca di Aosta, Antonella Marcoz e un gruppo di tecnici comunali. Alla presenza di diversi commercianti aostani che hanno assistito alla riunione e hanno indicato suggerimenti e proposte, il Presidente di Confcommercio VdA, Graziano Dominidiato e la vicesindaca Marcoz hanno infine trovato un accordo sul nuovo regolamento per l’installazione dei déhors, che sarà discusso mercoledì prossimo in Prima commissione consiliare e poi approderà in Consiglio municipale.

"E' caduto finalmente lo scellerato vincolo della chiusura  dei déhors alle ore 23 - spiega Sagaria - che invece ora potranno chiudere allo stesso orario del locale, così come è stato eliminato il preavviso di sole 24 ore da parte del Comune di rimozione dei dehors  in concomitanza di manifestazioni, contestatissimo dai titolari di strutture grandi e complesse. Soddisfatto, Sagaria, anche per la sburocratizzazione delle procedure. "E' vero che la domanda di installazione dovrà essere riproposta partendo da zero anche da chi già possiede un dehors, ma dopo la prima volta per le installazioni successive sarà sufficiente inviare una comunicazione via mail avvertendo che si intende usufruire nuovamente del dehors”.

Resta il nodo delle distanze obbligatorie, come spiega Sagaria: "Il vincolo di carreggiata libera per almeno 3 metri e mezzo non è mutato, la misura d'obbligo si rendere necessaria per consentire il transito di ambulanze, Vigili del fuoco e Forze dell'ordine. Il problema si evidenzia in caso di dehors uno di fronte all'altro, consentito dalla liberalizzazione delle licenze: Entrambi i gestori dei due dehors saranno costretti a ridurre e di molto l'ampiezza delle loro strutture".

p.g.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore