ECONOMIA | mercoledì 22 agosto 2018 04:08

ECONOMIA | martedì 16 gennaio 2018, 10:07

Confartigianato VdA delusa dalla legge di Bilancio dello Stato

Zappaterra ‘La legge di bilancio 2018, approvata dalla maggioranza parlamentare, ha disatteso, in gran parte, le richieste avanzate da Confartigianato a favore delle piccole e medie imprese’

Aldo Zappaterra

“Non aver approvato l’aumento delle franchigie IRAP e respinto la completa deducibilità dell’IMU significa aver mantenuto ancora alta la tassazione sulle piccole imprese. Se poi aggiungiamo il differimento dell’entrata in vigore del IRI (imposta sul reddito dell’Imprenditore), che è la “flat tax” per le imprese personali, nate con l’obiettivo di allineare all’IRES la tassazione dei redditi di impresa prodotti da imprenditori individuali e società di persone, per un valore di 2 miliardi, ci si rende conto che poco è stato fatto a favore delle piccole imprese”. Confartigianato VdA, attraverso il suo Segretario, Aldo Zappaterra, manifesta delusione e contrarietà al Finanziaria 2018 dello Stato.

“Avevamo anche chiesto – spiega Zappaterra - una diversa gestione per quanto riguarda il Sistri, ma anche qui ci siamo trovati di fronte all’ennesima proroga. Lo stesso vale per la detrazione IRPEF per gli investimenti necessari al risparmio energetico che passa dal 65 al 50% per la sostituzione o il montaggio di infissi e l’installazione di schermature solari. Da sottolineare positivamente il credito di imposta per le imprese e lavoratori autonomi che investono in campagnie pubblicitarie su quotidiani e periodici radio e tv locali”.

A Confartigianato non piace poi l’approvazione, che decorrerà dal 1° gennaio 2019, dell’ l’obbligo di fatturazione elettronica anche alle operazioni di cessione/prestazione verso soggetti privati residenti o stabili nello Stato; ciò riguarderà tutti i titolari di partita iva.

Aggiunge Zappaterra: “La proroga del super e iper ammortamento, pur con risorse inferiori alle attese, è positivo; ciò vale anche per la sterilizzazione degli aumenti dell’aliquota iva. Anche il bonus verde relativo alla detrazione del 36% fino a € 5.000 per chi effettua la sistemazione del verde, di aree scoperte e le pertinenze delle unità modulari; giardini, terrazzi, balconi è da condividere”.

Confartigianato apprezza invece “l’alleggerimento degli adempimenti del nuovo spesometro viene incontro alle nostre esigenze, così come riordino del calendario fiscale, che evita l’intasamento delle scadenze fiscali e l’incognita di proroghe e rinvii dell’ultimo minuto”.

Ma Zappaterra assicura: “Continueremo comunque la nostra azione per far approvare quei provvedimenti che sono stati lasciati cadere e che rappresentano la parte più importante delle nostre richieste sotto l’aspetto economico”.

red. eco.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore