ATTUALITÀ ECONOMIA | mercoledì 13 dicembre 2017 00:25

ATTUALITÀ ECONOMIA | giovedì 16 novembre 2017, 01:00

Aosta, Cogne e Gressan chiedono collegamento funiviario Cogne-Pila-Aosta

Le Giunte comunali di Aosta, Cogne e Gressan si sono riunite presso il Comune di Aosta per condividere gli obiettivi strategici del collegamento funiviario Cogne-Pila-Aosta

All’incontro hanno partecipato anche i rappresentanti regionali della struttura Infrastrutture funiviarie dell’Assessorato al turismo, i vertici della società Pila s.p.a. e i professionisti che stanno studiando la progettazione dell’impianto.

I tre Comuni hanno condiviso l’importanza che la funivia, oggi al vaglio dei tecnici, avrebbe per i propri ambiti territoriali. Il Sindaco di Cogne, Franco Allera, afferma che “si tratta di un’infrastruttura strategica, da anni sollecitata e fortemente voluta dalla nostra Amministrazione, per uno sviluppo sostenibile dell’economia turistica locale. Collegare Aosta, città della cultura, Pila, rinomata stazione sciistica, e Cogne, capitale della natura e del Parco nazionale Gran Paradiso, rappresenta un obiettivo strategico per un’offerta turistica integrata e articolata votata alla mobilità sostenibile. Si tratta di un prodotto turistico nuovo e performante per favorire l’interscambio dei nostri ospiti in un’ottica del tutto “green”, dove chi raggiunge la valle può lasciare la propria auto e vivere appieno le attrattive che il territorio valdostano sa offrire”.

Il Sindaco di Gressan, Michel Martinet, sottolinea che “il collegamento con Cogne rappresenta, oltre che per la nostra stazione turistica per l’intera comunità, un’opportunità di crescita e di maggiore offerta turistica. Un futuro legame sinergico con Cogne darebbe inoltre a Pila la possibilità di ampliare il proprio bacino di utenza, anche nel periodo estivo, da sempre momento di maggiore difficoltà ricettiva. Questa situazione potrebbe inoltre essere il volano che spinge le iniziative private a promuovere l’apertura del campo da Golf di Pila, in quanto la clientela dell’intera Valle di Cogne - attualmente sprovvista di questa attrattiva - potrebbe agevolmente raggiungerlo”.

Il Sindaco di Aosta, Fulvio Centoz, e la Vice Sindaco, Antonella Marcoz, evidenziano che “il collegamento funiviario Aosta-Pila-Cogne è una proposta cui l’Amministrazione aostana guarda con interesse, tale da garantirne l’inserimento nel Piano di sviluppo turistico in fase di redazione. La realizzazione di una via di comunicazione intervalliva capace di unire i domaine skiable di Pila e Cogne, fruibili anche durante la stagione estiva in virtù delle attrattive naturalistiche delle due località e dei loro comprensori, con il capoluogo regionale e i suoi diversi motivi di richiamo - dai siti storico-monumentali alla ricca offerta di mostre permanenti ed esposizioni temporanee, dall’enogastronomia alla possibilità di praticare numerosi sport - costituirebbe, infatti, un polo di attrazione di prim’ordine, aumentando le potenzialità di ogni singolo centro.

Si verrebbe a creare, infatti, un legame “permanente” in chiave promozionale tra le tre località che unirebbe “natura”, “sport” e “cultura” in un unico prodotto turistico in grado di competere più facilmente anche sul mercato internazionale”. Per la sua particolare caratteristica ecosostenibile, l'idea progettuale del collegamento intervallivo Cogne-Pila-Aosta ha trovato pieno favore da parte dell’Associazione Alpine Pearls, di cui Cogne fa parte dal 2011.

Si tratta di un organismo sovranazionale che ad oggi riunisce 25 località turistiche delle Alpi impegnate a promuovere vacanze ecocompatibili e soluzioni di mobilità innovative a tutela dell’ambiente, la cui filosofia è volta ad offrire agli ospiti vacanze di alta qualità, ecologicamente sostenibili, culturalmente stimolanti e ricche di esperienze uniche. Le amministrazioni comunali di Aosta, Cogne e Gressan, nel valutare positivamente i benefici in termini promozionali del marchio “Alpine Pearls”, hanno avviato un percorso finalizzato alla futura candidatura dei loro Comuni uniti in un unico comprensorio (Cultura-Sport-Natura) per il rilascio del riconoscimento internazionale.

red. eco.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore