Aosta Capitale | lunedì 23 ottobre 2017 22:47

Aosta Capitale | giovedì 12 ottobre 2017, 10:44

IL FOGLIACCIO: Aosta, caos dehors per ritardo nuovo regolamento comunale

Dehors in una via del centro di Aosta

Multa da cinquemila euro e smontaggio immediato del dehors. Colpìti dal blitz compiuto nei giorni scorsi dalla Polizia locale di Aosta, due esercenti del capoluogo titolari di altrettanti locali. Motivo dei provvedimenti pare sia, in un caso, il ritardo nel pagamento della tassa di occupazione suolo pubblico e nell'altro una struttura priva dei requisiti tecnici.

Fatto sta che il Comune di Aosta ha deciso la 'tolleranza zero' nei confronti dei titolari di locali pubblici ritenuti irregolari rispetto al vecchio regolamento sulla posa e la gestione dei dehors in città. “Il problema, però – spiega un ristoratore – è che l'Amministrazione comunale è in ritardo di oltre un anno sulla stesura di un nuovo regolamento sui dehors e oggi vige il caos assoluto: ognuno fa quello che vuole, magari in buona fede perchè non dispone più dei parametri normativi necessari a realizzare un'infrastruttura a norma di legge e armonizzata con l'ambiente cittadino”.

E in effetti basta un'occhiata ai locali per confermare un certo 'disordine estetico' nell'allestimento dei dehors: alti, bassi, larghi, stretti, di legno, di metallo, di vetro o plexiglass; la scelta dell'opera non pare basata su rigidi parametri di legge ma sulla fantasia e le possibilità economiche degli esercenti.

“Il Comune di Aosta deve intervenire quanto prima con un nuovo regolamento – insiste il ristoratore aostano – perchè una località turistica non può presentarsi ai villeggianti e visitatori con un simile, caotico assembramento di strutture che occupano strade e marciapiedi a piacimento. Occorrono una strategia, regole precise da seguire. Siamo in ritardo ma per l'estate prossima la città dovrà necessariamente mostrare un volto nuovo”.

p.g.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore