ATTUALITÀ POLITICA | venerdì 17 novembre 2017 20:40

ATTUALITÀ POLITICA | mercoledì 13 settembre 2017, 13:45

500 milioni di euro in più per la lotta alla disoccupazione giovanile

ll Parlamento ha approvato mercoledì lo stanziamento di mezzo miliardo di euro per finanziare ulteriormente l’Iniziativa per l'occupazione giovanile, parte di un finanziamento totale di 1,2 miliardi di euro già concordato per il periodo 2017-2020

“Nonostante le recenti notizie positive sull’economia dell'UE, il numero di giovani che non lavorano è ancora vergognosamente elevato. Il tasso di disoccupazione tra i 16 e i 25 anni è più del doppio rispetto alla media in molti paesi dell'UE. Più di un terzo dei giovani in Spagna, Italia e Grecia non sono ancora in attività di istruzione, formazione o lavoro. Questi 500 milioni di euro in più serviranno a sostenere nuovi posti di lavoro, tirocini e corsi di perfezionamento per le persone più bisognose. Tuttavia, non è ancora abbastanza. Continueremo a sollecitare il Consiglio e la Commissione a fornire finalmente le risorse necessarie per affrontare la portata della crisi”, ha dichiarato il relatore Jens Geier (S&D, DE).

Contesto

Nell' aprile 2017, i deputati hanno appoggiato una revisione del bilancio a lungo termine dell'UE, che ha portato 6 miliardi di euro supplementari per l'occupazione, la crescita e la lotta alla migrazione, tra cui un supplemento di 1,2 miliardi di euro per la YEI per il periodo 2017-2020.

L'Iniziativa per l'occupazione giovanile è stata avviata nel 2013 per sostenere i giovani senza istruzione, occupazione o formazione di età inferiore a 25 anni e residenti in regioni dove la disoccupazione giovanile nel 2012 si attestava oltre il 25%.

Secondo i dati della Commissione europea dell’ottobre 2016, dal 2013 l'Iniziativa ha fornito un sostegno diretto a oltre 1,4 milioni di giovani in tutta l’UE.

In Italia, l’utilizzo del programma è aumentato molto negli ultimi anni dal suo lancio nel maggio del 2014. A giugno 2016, più di un milione di giovani si è registrato al programma e più di 700 mila hanno firmato un "patto di attivazione". Inoltre, dal 2015 si è verificato un aumento di misure quali tirocini e formazioni specialistiche.

P E

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore