ATTUALITÀ | giovedì 21 settembre 2017 17:58

ATTUALITÀ | venerdì 08 settembre 2017, 10:41

L’altiporto di Chamois festeggia 50 dal primo atterraggio ufficiale

L'altiporto di Chamois

Inizieranno ad atterrare attorno alle 9 gli aerei da turismo che faranno da cornice alle celebrazioni per i 50 anni dell’altiporto di Chamois in calendario, tempo permettendo, sabato 9 settembre. Realizzato nel 1967 da un’idea di Cesare Balbis, che aveva vito un’analoga struttura a Courchevel, in Francia, è stato il primo altiporto in Italia ed è più frequentato sia in estate che in inverno.

Balbis aveva preso il brevetto per l’atterraggio in montagna in Francia; in Italia la legge che regolamentava questo tipo di volo fu approvata solo nel 1968, due anni dopo che il proponente, il deputato valdostano Corrado Gex, era scomparso a Ceva. La festa di sabato, che precede di un giorno l’anniversario in quanto l’altiporto fu inaugurato il 10 settembre 1967, è organizzata dal Comune con la Pro loco, Luca Fini, gestore dell’impianto, e  dell’ingegnere aostano Mario Ventura, pilota di montagna.

Durante la giornata sarà possibile osservare una trentina di aerei, in volo e in mostra statica. La pista dell’altiporto ha una pendenza del 19 – 20%; possono atterrare piccoli aerei da turismo, ultraleggeri ed anche deltaplani In caso di maltempo la manifestazione sarà annullata.

a. b.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore