CISL VdA | domenica 22 ottobre 2017 00:57

CISL VdA | sabato 12 agosto 2017, 13:13

Pensioni e lavoro; Presupposti positivi ma occorre coerenza. A fine agosto il nuovo appuntamento con il Governo

Primo appuntamento dunque il 31 agosto a cui seguiranno gli altri tavoli tecnici programmati suddivisi in 5 argomenti principali tra cui previdenza, mercato del lavoro, governance enti previdenziali.

"Il nostro giudizio sul lavoro che abbiamo fatto al Ministero del Lavoro è positivo". Lo dice la segretaria della Cisl,  Annamaria Furlan, commentando l'incontro di ieri con il ministro del Lavoro Giuliano Poletti per fare il punto sullo stato di avanzamento del confronto in materia di politiche del lavoro e previdenziali.

"Gli argomenti proposti dal Governo alla nostra attenzione sono molto coerenti con i temi che avevamo già individuato nell'intesa quindi i titoli corrispondono alle gestione delle priorità individuate nella fase 2 del confronto. Il Governo ha anche aggiunto altre questioni che ritengo opportune quali la rivisitazione della governance dell'Inps, la rappresentnaza e anche l'inserimento della formazione come elemento di investimento per le imprese per Industria 4.0", Aggiunge Furlan.

Nella foto Vincenzo Albanese segretario Cisl-Pensionati VdA

Il fatto che ci sia un calendario stringente, con appuntamenti programmati già per la fine di agosto e che proseguiranno a settembre,  testimonia la volontà e la coerenza con l'intesa sottoscritta nei mesi scorsi con il Governo che, durante l'incontro, a più riprese ha fatto riferimento alla questione risorse finanziare e alla flessibilità. Per alcuni aspetti è chiaro che già la prossima legge di stabilità dovrà dare risposte adeguate. La risposta sull'aspettativa di vita inoltre deve riguardare tutti i lavoratori e le lavoratici, dati alla mano si tratterà di individuare un percorso, inizialmente rivolgendosi ad una platea più ristretta ma l'obiettivo è una risposta più larga, per tutti.

Per quanto rigurda inceve il tema della defiscalizzazione della contribuzione è importante, per Furlan "che non vada ad intaccare il monte contributi: vogliamo avere questa assicurazione, non deve incidere sulle pensioni dei giovani". "Lo spirito è assolutamente positivo - conclude Furlan - e sembra lo stesso che ha animato le nostre intese e cioè mettere al centro, nella seconda fase, giovani, donne ed una platea sempre più vasta di lavoratori".

Primo appuntamento dunque il 31 agosto a cui seguiranno gli altri tavoli tecnici programmati suddivisi in 5 argomenti principali tra cui previdenza, mercato del lavoro, governance enti previdenziali.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore