ECONOMIA | martedì 19 settembre 2017 20:37

ECONOMIA | lunedì 17 luglio 2017, 12:15

Aosta e la Valle più lente in Italia a reagire alla crisi

La Valle d' Aosta è stata lenta nel reagire alla crisi economica fra il 2013 e il 2016. Lo rivela 'La mappa dell'Italia che cerca di uscire dalla crisi', indagine del Sole24Ore pubblicata oggi, lunedì 17 luglio. Basandosi su 10 indicatori il quotidiano economico ha cercato di fare il punto sulla situazione economica di 103 province italiane.  Se con 22,1 punti su 100 la Valle d'Aosta è risultata la più 'fiacca', la più reattiva è emersa Bergamo, con 74,3 punti su 100, seguita da Modena e Reggio Emilia.

Appena un po' meglio di Aosta, invece,  Rieti e Crotone (23 punti). Gli indicatori esaminati dalla Mappa sono il reddito pro capite, il costo della casa, i depositi bancari pro capite, i prestiti personali, la spesa per i beni durevoli, il rapporto giovani/laureati, il tasso di disoccupazione, il consumo di farmaci e gli acquisti di auto (settore in cui la Valle spicca al primo posto con le performance più basse con un calo di acquisti, fra il 2013 e il 2016, dell’1,2%.

In Valle d'Aosta inoltre la spesa pro capite è scesa del 5,7% e i rifiuti pro capite si sono ridotti, con una percentuale del - 13.3% dal 2012 al 2015. Segno che i valdostani sono attenti all'ambiente ma evidentemente consumano meno degli altri italiani.

i.d.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore