Governo Valdostano | giovedì 23 novembre 2017 10:31

Governo Valdostano | giovedì 20 aprile 2017, 18:37

Assessore Chatrian autorizza nuova infornata di esperti per redigere piano industriale casinò

Campione sempre più vicino a Saint Vincent e dopo le elezioni comunali del comune italiano in territorio elvetico il CdA sarà rivoluzionato e l’assetto direzionale sarà modificato per fare spazio ad un luminare del gioco d’azzardo che assumerà la presidenza a Saint Vincent

Chatrian Di Matteo

Più che assessore alle finanze e ai gadget, Albert Chatrian è diventato l’assessore alla ricerca di cervelli per rilanciare il casinò e trovare le motivazioni per dare alla casa da gioco valdostana i 43 milioni di euro che avanza dalla Regione e che la band dei traditori elettorali mai ha voluto restituire per fare un dispetto alla Giunta Rollandin.

Infatti, Giulio Di Matteo, Amministratore unico, ha indetto una nuova ricerca di mercato per il reperimento di una società e/o di una associazione di professionisti, che dovranno essere individuate per assistere, tra l’altro, la società nella redazione del piano industriale riferito agli esercizi 2017-2022,  quale elemento per consentire la redazione del piano di ristrutturazione aziendale da presentare ai soci.

Dunque la prima informata di cervelli importati da Milano a che serve?

Le linee guida per il piano industriale non le aveva già date la fantasiosa commissione La Torre che ha sentito decine di manager o pseudo tali?

Come spiega l’assessore questo enorme esborso di risorse per consulenti con il fatto che  le casse del casinò piangono?

Continuando di questo passo il casinò di Saint Vincente avrà più esperti e consulenti che clienti e giocatori.

L’assessore non risponderà e andrà avanti per la sua strada in attesa che da Campione arrivi il nuovo amministratore delegato con la promozione dell’attuale Ad a Presidente del nuovo CdA della Casinò Spa. Il tutto accadrà dopo le elezioni comunali di Campione d’Italia dove la maggioranza, proprio sul casinò, dovrebbe essere spedita a casa.

Tutti gli incarichi, tutte le iniziative, tutte le politiche per il casinò di Saint Vincent paiono essere gestite da una scheda madre domiciliata al casinò di Campione d’Italia e che lavora per far trovare terreno fertile al nuovo management.

Assessore il tempo passa; il conto alla rovescia corre. Qualcuno ha detto: è giusto che i lavoratori che stanno dando il loro sangue per le sue velleità taumaturgiche, sappiano finalmente come sono usati i loro denari, potere conoscere i contratti, le clausole degli incarichi.

p.m.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore