ECONOMIA | domenica 19 novembre 2017 03:54

ECONOMIA | lunedì 20 marzo 2017, 15:54

Valdostani esasperati dal Fisco

Con un aumento, rispetto al 2015, di quasi il 15% delle pratiche iscritte a ruolo, nel 2016 sono stati 142 i ricorsi pervenuti alla Commissione tributaria di Aosta,  che giudica in primo grado. Sono stati invece 39 quelli presentati alla Commissione tributaria regionale, organo di secondo grado. I dati sono stati diffusi oggi dal presidente facente funzione della Commissione tributaria regionale della Valle d'Aosta, Raffaele Di Napoli, nel corso della cerimonia di inaugurazione dell'Anno giudiziario tributario 2017. 

"Il rapporto tra il cittadino e il fisco - ha detto Di Napoli nella sua relazione - si è venuto a trasformare, per la stragrande maggioranza dei contribuenti, in una sorta di esasperata contrapposizione, al punto da assumere quasi connotati di un vero e proprio conflitto nell'attuale contesto sociale e tributario". 

Dei 142 ricorsi pervenuti 110 sono giunti a sentenza, 30 delle quali favorevoli al contribuente. Nella Commissione tributaria regionale le sentenze sono state 40, di cui 10 favorevoli al contribuente. I ricorsi per Cassazione sono stati 15. 

Per il presidente Di Napoli "l'auspicio è che vengano adottati strumenti innovativi capaci di colpire in modo mirato la grande evasione senza mortificare la prospettiva di ripresa e di crescita economica". "A tal fine - ha aggiunto - sarebbe necessaria una reale ed efficace volontà politica sulla cui esistenza non pochi cittadini nutrono seri dubbi". 

i.d. - ansa-rava

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore