FEDE E RELIGIONI | venerdì 28 aprile 2017 02:32

FEDE E RELIGIONI | giovedì 05 gennaio 2017, 18:00

DOMANI venerdì 6 gennaio Epiphanie du Seigneur – Les Rois

L'amore non soffre dilazione ed i magi appena giunti non risparmiano fatiche per far conoscere ed amare Colui che con l'influsso della grazia aveva conquistato i loro cuori, ferendoli di quella carità che ama spandersi, perché il cuore nella sua piccola mole non può contenere ed ama comunicare ciò che lo riempie. (Padre Pio da Pietralcina)

AGENDA DEL VESCOVO MONS.  FRANCO LOVIGNANA

Venerdì 6 gennaio
Cattedrale - ore 10.30
Pontificale per la Solennità dell'Epifania del Signore

Saint-Vincent -Piccola Casa della Divina Provvidenza - ore 16.00
Santa Messa in occasione della Rinnovazione annuale dei Voti da parte delle Suore

Sabato 7 gennaio
Seminario - ore 11.00
Santa Messa e pranzo con le famiglie dei Seminaristi

Domenica 8 gennaio
Casa di riposo "J.B. Festaz" - ore 10.00
Santa Messa

Lunedì 9 gennaio
Seminario Maggiore - ore 10.30-12.30
Partecipazione all'incontro di formazione per il clero

Vescovado - pomeriggio
Udienze

Martedì 10 gennaio
Pianezza - ore 10.00
Commissione presbiterale regionale

Mercoledì 11 gennaio
Vescovado - mattino
Udienze

Giovedì 12 gennaio
Palazzo regionale - ore 21.00
Partecipazione alla presentazione del libro di don Julián Carrón
"La bellezza disarmata"

Venerdì 13 gennaio
Vescovado - mattino
Udienze

Aosta, Istituto San Giuseppe - ore 20.30
Partecipazione alla XIa serata per la custodia del creato
Conferenza del Prof. don Rocco D'Ambrosio

Sabato 14 gennaio
Cattedrale - Pont Suaz - ore 6.00
Pellegrinaggio mensile a N.-D. de Pitié

Priorato di Saint-Pierre - ore 9.30
Incontro di formazione per collaboratori dei parroci

Domenica 15 gennaio
Priorato di Saint-Pierre - ore 10.30-16.00
Partecipazione all'incontro "Amoris Laetitia, approfondimenti dell'Esortazione apostolica"
a cura dei coniugi Nicoletta e Davide Oreglia

Le Messager Valdotain celebra venerdì 6 gennaio Epiphanie du Seigneur – Les Rois

•La Chiesa  onora   Epifania del Signore

L'origine orientale di questa solennità è nel suo stesso nome: "epifania", cioè rivelazione, manifestazione; i latini usavano la denominazione "festivitas declarationis" o "apparitio", col prevalente significato di rivelazione della divinità di Cristo al mondo pagano attraverso l'adorazione dei magi, ai Giudei col battesimo nelle acque del Giordano e ai discepoli col miracolo alle nozze di Cana.

Martirologio Romano: Solennità dell’Epifania del Signore, nella quale si venera la triplice manifestazione del grande Dio e Signore nostro Gesù Cristo: a Betlemme, Gesù bambino fu adorato dai magi; nel Giordano, battezzato da Giovanni, fu unto dallo Spirito Santo e chiamato Figlio da Dio Padre; a Cana di Galilea, alla festa di nozze, mutando l’acqua in vino nuovo, manifestò la sua gloria.

I Re Magi non giunsero a mani vuote a Betlemme, per il Re dell’Universo, che si manifestava al mondo (Epifania), avevano preparato dei doni, che presentarono con immenso onore: l’oro, che indica la regalità di Gesù; l’incenso, il suo sacerdozio; la mirra, usata nella preparazione dei corpi per la sepoltura, l’espiazione dei peccati attraverso la morte.

«Ed ecco la stella, che avevano visto nel suo sorgere, li precedeva, finché giunse e si fermò sopra il luogo dove si trovava il bambino. Al vedere la stella, essi provarono una grandissima gioia. Entrati nella casa, videro il bambino con Maria sua madre, e prostratisi lo adorarono. Poi aprirono i loro scrigni e gli offrirono in dono oro, incenso e mirra» (Mt. 2, 9-11). Come i pastori erano stati chiamati dall’angelo a partecipare della Gloria di Dio e della pace degli uomini, così ora i Magi, esperti astronomi, venivano guidati dalla stella per partecipare anch’essi all’evento che ha mutato storia e destini. Leggiamo da sant’Agostino:

«Da pochissimi giorni abbiamo celebrato il Natale del Signore, in questi giorni celebriamo con non minore solennità la sua manifestazione, con la quale cominciò a farsi conoscere dai pagani… Era nato colui che è la pietra angolare, la pace fra provenienti dalla circoncisione e dalla incirconcisione, perché si unissero in lui che è la nostra pace e che ha fatto dei due un popolo solo. Tutto questo è stato prefigurato per i Giudei nei pastori, per i pagani nei Magi… I pastori giudei sono stati condotti a lui dall’annuncio di un angelo, i Magi pagani dall’apparizione di una stella» (Sermone 201,1; PL 38 1031).

Il sole sorge alle ore 8,10 e tramonta alle ore 16,46.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore