EVENTI E APPUNTAMENTI | mercoledì 19 giugno 2019 19:59

EVENTI E APPUNTAMENTI | 09 maggio 2014, 11:55

MUSICA: Ad Aosta la rivoluzione rap di Clementino

Il rapper Clementino

Il rapper Clementino

Clemente Maccaro, in arte Clementino, da Camposano di Nola, classe 1982: per Wikipedia è una delle personalità nate nel paese napoletano, per la” generazione 2.1” è invece l’alieno del rap italiano.

Clementino è solo uno degli alias con cui si è imposto sul fronte dell’hip hop. Si può chiamarlo I.E.N.A. o “Rapstar”, come l’ha incoronato uno che se ne intende (Fabri Fibra), ma non va assimilato all’hip hop nazionale, che frequenta con orgoglio, successo e divertimento, ma di cui non condivide il machismo esasperato, il vizio di prendersi troppo sul serio, la finzione da balordo di strada: viene da posti dove il ghetto fa paura davvero ed ha scelto il suo mestiere anche per dimostrare, non solo a se stesso, che un microfono acceso e ben usato può essere una maniera per fuggire dalle terre di Gomorra.

La sua profezia è un pensiero positivo: si può fare, se ci credi, se ci lavori sodo, se lotti con i denti per quello in cui credi. Il pubblico giovane valdostano lo può verificare venerdì 9 maggio quando alle 21 Clementino salirà sul palco dello Splendor per suonate nell’ambito della Saison culturelle. Star assoluta del free style (non c’è nessuno che possa dire di averlo battuto da quando, nel 2004, ha vinto il “Tecniche Perfette”, se si esclude Ensi, che ci è riuscito una volta sola) , vincitore del neonato Music Summer Festival di Canale 5, si dice I.E.N.A. che sta per Io E Nessun Altro, ma poi agli acronimi sbruffoni preferisce il nomignolo con cui lo chiamavano da ragazzo, ai gangsta rapper del Bronx, anche di quello vesuviano, preferisce Troisi.

Con cui si è tolto lo sfizio di misurarsi quando ha portato in teatro “Che ora è”, adattamento del film di Ettore Scola con il grande Massimo, diretto per la scena da Pino Quartullo. Attore, quindi, oltre che rapper, animale da palcoscenico capace di ibridare il proprio linguaggio con i colleghi più tosti (Marracash, ‘Nto), ma anche quelli più pop come Moreno (nel brano “Passa il microfono”), di passare dalla veracità melodica di Gigi Finizio a Jovanotti per cui è “uno dei nuovi cantautori più interessanti che abbiamo”, dalla platea militante dei 99 Posse al Celentano rap di “Il ragazzo della via Gluck” che l’ha portato, a Sanremo al fianco degli Almamegretta e, ancora, dai Negrita a Meg. Unico mc newpolitano capace di non perdere ironia e furore ritmico passando dal dialetto alla lingua italiana, con “’O’ Vient’” ha fatto un miracolo, anzi due: il videoclip si è fatto spazio su Mtv ed ha trainato fino al quarto posto della hit parade l’album “Mea culpa”.

Ai tempi dei Videomind, la più importante delle crew di cui è disseminata la sua già lunga carriera, dal vivo metteva in scena la sfida a se stesso, Clementino contro I.E.N.A. White, straordinario campionario di autodissing che la dice lunga sul suo stile, sul suo humour, la sua capacità di non prendersi sul serio. Spararime portentoso e ironico, è polemico quando serve: “Guarda che radio/ non passa roba troppo napoletana/ dovrei scrivere in lingua italiana/ mi dicevano che in Rai/ non sarei entrato mai”.

“Devi scrivere nuovi testi” è incipit e frase chiave di “Mea culpa”, nei suoi testi oggi ci sono il pianeta rap e il Malpaese Italia, Saviano e Impastato, i Doors e lo showbiz, le periferie degradate e la felicità dei numeri primi (ma anche ultimi). Sa essere antagonista ma anche mainstream, come dimostrano brani come “Pianoforte a vela” e “Che hit”. Ha portato l’underground in tv, ma il suo underground, che è, insieme, una rima tagliente, un ritmo ossessivo e un sorriso beffardo. Da alieno del rap italiano. 

agostino borio

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore